State trascorrendo un periodo a Marrakech, breve o lungo che sia, e vi rendete conto che, seppur secco e sopportabile, il caldo è “caldo” e si fa sentire sulle vostre energie. A ciò aggiungete la volontà di approfondire un argomento border line fra cultura europea e marocchina? Allora una visita ai Jardin Majorelle di Marrakech fa proprio al caso vostro.

I giardini Majorelle si trovano al di fuori della medina. Per raggiungerli a piedi vi consigliamo di tenere come riferimento la Piazza dei Sette Santi, e proseguire verso l’esterno della città. Attraversato uno stradone non potrete sbagliare strada, grazie anche alle indicazioni e ai nomi delle attività della zona.
Il biglietto d’ingresso costa 70 Dirham a persona, aggiungendo altri 30 Dirham sarà possibile visitare il museo berbero situato all’interno dei Giardini. Il biglietto per il museo può essere acquistato anche dentro in un secondo momento.
Qui Jaques Majorelle prima e Yves Saint Lauren poi hanno saputo creare e valorizzare un ambiente unico per Marrakech. Questo è un luogo in cui ammirare ambienti, piante, colori e anche animali totalmente immersi in uno scenario da sogno. Un’oasi di particolare bellezza che, pensate un po’, si è rischiato di perdere nel tempo.

Storia dei Jardin Majorelle di Marrakech

Sulla storia dei Jardin Majorelle si è scritto abbastanza un po’ ovunque. Per contestualizzare il post ricordiamo che il pittore francese Jaques Majorelle aveva fatto costruire la villa tutt’ora presente in una proprietà da lui acquistata. Qui avrebbe svolto per anni le sue attività artistiche, creando il giardino in stile marocchino che ancora oggi apprezziamo nel suo splendore.
Il tocco di genio dell’artista fu nell’elaborare un tono di blu molto particolare, detto appunto “Blu Majorelle”. Con questo blu caratterizzò l’intera costruzione nonchè le parti in muratura del giardino stesso. Aprendo l’area al pubblico diede risalto e importanza alla sua creazione, una delle più apprezzate di Marrakech.
In seguito l’artista dovette tornare a Parigi, lasciando la villa in abbandono, finchè nel 1980 Yves Saint Lauren comprò i Jardin Majorelle, iniziando un lavoro di riqualificazione e restauro. Lo stilista si innamorò di questa sua “Oasi” al punto da indicarla come luogo in cui cospargere le sue ceneri. Oggi nel giardino è stato eretto un memoriale a suo nome.
Dopo l’intervento di Yves Saint Lauren i giardini Majorelle non hanno più avuto situazioni di abbandono. Ora vivono un continuo rinnovamento incentivato sicuramente dall’interesse turistico del sito.

Visitare i Jardin Majorelle di Marrakech

Oggi consigliamo di visitarli certamente per avere un po’ di refrigerio, ma soprattutto per ammirare la sua famosissima collezione di cactus, la foresta di bamboo, le vasche ricche di pesci, tartarughe e ranocchie, gli uccelli che animano i rami degli alberi. Il museo berbero è un esempio di rara bellezza. In poche stanze sono racchiuse le preziosità di una cultura importantissima. Chi ha in mente di visitare anche i dintorni di Marrakech se ne renderà conto.
Fra le altre caratteristiche dei Jardin Majorelle c’è un bar con tavolini all’aperto in cui godersi un po’ di relax. Molto bella è anche una biblioteca in cui avrei comprato tutti i libri fotografici a tema Majorelle, Marocco, Marrakech, e una boutique dove, fra abiti firmati e sartoriali, spunta anche qualche souvenir a buon mercato.
Ora basta parlare, lasciamo spazio a qualche foto.
Blu Majorelle

 

Rana ai Jardin Majorelle

 

Vasca con piante acquatiche

 

Questione di prospettive

 

…prima di continuare ti va di darmi un piccolo aiuto per ripagarmi del lavoro fatto per scrivere questo articolo? Basta un semplice clic  e una condivisione su Facebook per farmi conoscere ai tuoi amici … A te non costa nulla e per la crescita del mio blog vuol dire molto… Non vorrai mica tenere tutte queste importanti informazioni per te vero?

Grazie Mille !!!

Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Se ti siamo stati utili, clicca sul MI PIACE!
Logho di Viaggie Merende

Nel souk dei tessuti di Marrakech – Foto

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici carissimi. Con il post di oggi vogliamo proporvi qualche fotografia scattata nel souk dei...
Leggi...

Jardin Majorelle a Marrakech – Foto

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici, eccoci ancora a Marrakech. Torniamo alla ribalta sull'argomento "Jardin Majorelle" per proporvi...
Leggi...

Jemaa El Fna di notte

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici carissimi. Se ci seguire ormai avrete capito il colpo di fulmine che abbiamo avuto per...
Leggi...

jace a Marrakech, la street art in Marocco

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici, oggi si ritorna ancora a Marrakech per parlare di street art. Lo facciamo parlandovi di un...
Leggi...

I gatti di Christian Guemy, C215 in Marrakech

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno cari lettori, torniamo a parlare di Marocco interagendo con una nostra grande passione, la street art....
Leggi...
google-site-verification=QpCLLbcb8ZcIS_W9vuz4VZ3Cw87PxixAS8sKV5z-k_M
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: